Odontoiatria pediatrica

Slide background

Non trascurare i denti dei tuoi figli

Scegli un dentista esperto in odontoiatria pediatrica

Odontoiatria pediatrica

A cura di Dr Nardin P.

L’odontoiatria pediatrica si occupa della salute orale dei piccoli pazienti dalla nascita sino all’adolescenza.
I bambini, i ragazzi preadolescenti e gli adolescenti hanno bisogno di un approccio comportamentale differenziato a seconda della loro età per affrontare le terapie odontoiatriche ed evitare spiacevoli esperienze negative. Il dentista pediatrico presente è un esperto in queste metodiche ed è in grado di controllare, correggere o prevenire anomalie di sviluppo dei denti e delle ossa mascellari.

Cura e previene la diffusione della carie dentale che altrimenti causerebbe la distruzione degli elementi dentari con la necessità di cure ortodontiche e riabilitazioni odontoprotesiche in età adulta. Come molti genitori scelgono di far curare il loro bambino da un pediatra anziché da un medico generico allo stesso modo possono scegliere un dentista esperto in odontoiatria pediatrica anziché un dentista generico.
Proprio per soddisfare questa necessità il Centro Dentistico Futura offre personale medico esclusivamente dedicato a tale attività ed apparecchiature e tecniche all’avanguardia quali:

  • diagnosi precoce della malattia cariosa con Diagnodent, laser in grado di “leggere” la presenza della carie anche in posizioni non visibile dall’ occhio.
  • ozonoterapia delle lesioni cariose, gas formato da tre molecole di ossigeno con forte potere ossidante capace di sterilizzare la carie e mineralizzare la dentina rammollita dall’ azione dei batteri.
  • sedazione cosciente con protossido d’azoto, gas inerte non irritante, per ridurre od eliminare l’ansietà senza deprimere lo stato di coscienza, assolutamente sicuro tant’è che se ne raccomanda l’uso in pazienti di qualsiasi età con gravi problemi di salute.
  • Sedazione profonda, in collaborazione con il Dr.Anestesista Marco Ardigò.

A CHE ETÀ PER LA PRIMA VOLTA, IL BAMBINO DEVE ESSERE VISITATO DAL DENTISTA ?


I primi denti decidui erompono statisticamente fra i sei e i dodici mesi, già a questa età il genitore si deve interessare alla salute dentale del proprio figlio, per cui è bene che sia visitato in bocca dal pediatra o meglio ancora dall’odontoiatra infantile.
Benché possa sembrare presto, una rilevante percentuale dei bambini fra i due e i tre anni hanno già problemi di carie o infiammazioni gengivali.

Prima ci si interessa della salute dentale del proprio figlio e più facilmente si riescono a prevenire ed evitare problemi in seguito. L’odontoiatra infantile potrà fornire tutte le informazioni riguardanti la corretta igiene orale, un’ idonea alimentazione, il corretto uso del succhiotto e del biberon, l’uso del fluoro e la prevenzione dei traumi dentali.
Comunque,se non è stato fatto già prima, almeno durante il primo anno di scuola materna è consigliato che il bambino venga visitato da un odontoiatra infantile.


“La metodica illustrata in questo filmato mi consente, con il prezioso ausilio dell’anestesista, di intervenire in condizioni complesse sia per la mancanza di collaborazione sia per la particolare situazione clinica. Nella sedazione cosciente profonda, definita come una depressione dello stato di coscienza indotta farmacologicamente, il livello della stessa viene generalmente titolato in base alle esigenze del paziente e dell’operatore in modo da essere sicuro, confortevole e tale da rendere agevole la terapia. Tutte le procedura vengono eseguite sotto costante monitoraggio anestesiologico e delle funzioni cardiovascolari, respiratorie, cerebrali.”


È IMPORTANTE PREOCCUPARSI DELLA SALUTE DEI DENTI DA LATTE, CONSIDERANDO CHE PRIMA O POI VERRANNO SOSTITUITI DA QUELLI PERMANENTI ?

Molti genitori quando notano una carie su un dente da latte e il bambino non lamenta fastidi non se ne preoccupano, perché pensano erroneamente che sia un dente che dovrà cadere e quindi non necessariamente da curare, non comprendendo che la presenza di un‘infezione apparentemente anche molto banale può dare origine a gravi infezioni a carico di organi come il cuore,reni e cervello.

La cura e la prevenzione della carie dei denti da latte è il modo migliore e meno costoso per avere denti permanenti sani e ben allineati ed un buono stato di salute.
La distruzione o peggio la perdita dei denti decidui, oltre ad esporre il bambino ad infezioni per lungo tempo, provoca lo spostamento o l’inclinazione in avanti dei molari permanenti e quindi la necessità di lunghe terapie ortodontiche per correggere l’affollamento dentario conseguente. Anche nel bambino che ha già problemi ortodontici congeniti e ha comunque la necessità di un trattamento ortodontico, l’affollamento dentario conseguente alla perdita dei denti da latte aggrava la prognosi e il trattamento ortodontico diventa più complesso.

A CHE ETÀ  IL BAMBINO DOVREBBE COMINCIARE A SPAZZOLARE I SUOI DENTI ?

L’igiene orale dovrebbe cominciare già prima che i bambini siano capaci di farla da soli. I genitori dovrebbero effettuarla con una garza bagnata già prima che erompa il primo dentino, così da pulire efficacemente le gengive, rimuovere la placca e creare l’abitudine nel bambino all’igiene orale. Quando poi erompe il primo dente deciduo si deve iniziare ad usare delicatamente lo spazzolino, senza dentifricio perché a questa età il bambino tende ad ingoiarlo. Quando poi erompono anche gli altri denti, in particolare i molaretti decidui, è buona norma utilizzare anche il filo interdentale.

All’età di tre anni è bene che il genitore aiuti ancora il bambino alla pulizia dentale dopo i pasti principali, ma è altrettanto giusto che inizi a spazzolare anche da solo, per acquisire una corretta manualità. Una perfetta manualità non può essere comunque raggiunta prima di 8-10 anni, per cui l’aiuto dei genitori deve essere protratto fino a questa età, perlomeno una volta al giorno, prima di andare a letto.

COME SI PUÒ SVILUPPARE NEL BAMBINO L’ABITUDINE A SPAZZOLARSI I DENTI ?

Se desiderate motivare i vostri bambini per prima cosa dovete effettuare voi stessi una buona igiene orale con spazzolino e filo interdentale: è importante che siate voi per primi modelli da imitare.
Ai bambini la spazzolatura dei denti non deve essere imposta, ma deve essere percepita dai piccoli come un evento importante per tutta la famiglia.
Il bambino piccolo cerca di imitare i genitori e i fratelli più grandi, quando questo succede bisogna elogiarlo così che si senta orgoglioso e tenda a ripetere questo gesto fino a diventare un’abitudine.

ALIMENTAZIONE CORRETTA PER UNA BUONA SALUTE DENTALE

Il problema da risolvere nell’alimentazione del bambino non è cosa mangiare, bensì quante volte mangiare al giorno, cioè quante volte si assumono alimenti al di fuori dei pasti principali.
Ci sono alimenti necessari per la salute di denti e gengive, soprattutto durante la crescita, in particolare il latte, la frutta e le verdure. Ma tutti gli alimenti, compresi quelli citati, contribuiscono alla formazione della carie dentale in quanto contengono in diversa misura i carboidrati, che metabolizzati da alcuni batteri della flora orale formano acidi che danneggiano lo smalto e provocano infiammazioni gengivali.

Abitudine di molti bambini è mangiare poco ai pasti principali e fare molti spuntini fuori pasto e in genere con cibi ricchi di carboidrati, come panini o peggio ancora biscotti e merendine. Altri bambini invece assumono continuamente caramelle o chewing-gum. Anche se il bambino impara a spazzolare bene i denti dopo i pasti principali, ma non lo fa dopo gli spuntini abituali, i residui di questi cibi, unitamente all’abbassamento del ph salivare che rende la saliva più acida, portano ad una predisposizione notevole alla carie.

Quindi è buona norma evitare i fuori pasto e tra gli alimenti da utilizzare per la merenda dare preferenza ai formaggi, se il bambino vuole qualcosa di dolce preferire la cioccolata alle merendine.
Il consiglio finale è che non esiste una dieta perfetta indicata per la salute dei denti, ma bisogna offrire al proprio figlio una dieta equilibrata per tutto l’organismo.
In linea generale è bene evitare inutili fuori pasto e spazzolare i denti almeno 3 volte al giorno.



COSA È E A CHE SERVE LA SIGILLATURA DEI DENTI ?

La sigillatura dei denti consiste nell’applicare una pellicola protettiva di materiale composito o vetroionomerico sui solchi profondi dei denti permanenti in particolare i primi molari che erompono a 6 anni.
Queste sostanze proteggono le superfici masticanti dei denti posteriori, frequentemente soggette nei bambini alla carie dentale per vari motivi: i bambini a sei anni hanno scarsa manualità nel lavare correttamente i denti, i molari sono più difficoltosi da detergere bene sia per la loro posizione sia perchè i solchi di questi denti appena erotti sono molto profondi.

L’applicazione di queste sostanze è veloce, indolore ed è un ottimo modo per iniziare un bambino alle cure odontoiatriche.
Le sigillature vanno controllate periodicamente e se si staccano vanno riapplicate, in genere però durano diversi anni.
Il costo è di molto inferiore alla cura di un dente e soprattutto evita la formazione della carie: quindi si paga meno per avere denti più sani!
Tutti i bambini possono trarre giovamento dalla sigillatura, anche chi non ha mai avuto carie e già effettua prevenzione con il fluoro.

Il fluoro sembra essere molto efficace come prevenzione, ma a volte non è sufficiente a prevenire la carie delle superfici masticanti dei molari permanenti. Statisticamente nei pazienti di età inferiore ai 15 anni l’80% delle carie si sviluppano proprio su queste superfici.
La sigillatura è diventata oggi un’arma indispensabile nella lotta contro la carie, ma è molto importante che venga effettuata precocemente, subito dopo l’eruzione del dente permanente, altrimenti potrebbe essere troppo tardi.
A volte i molari permanenti sono già cariati ancor prima di terminare lo loro eruzione, questo perché cibo e placca si annidano tra la gengiva ancora non perfettamente riassorbita e la corona del dente in eruzione. Durante le varie settimane che il dente impiega per erompere completamente, se i genitori non aiutano il bambino a pulire perfettamente questo dente, succede spesso che si formi la carie.

Per concludere i genitori devono controllare attentamente quando, verso i sei anni, iniziano a spuntare i primi molari permanenti, in genere poco prima o poco dopo la caduta dei primi incisivi da latte.
Attenzione! Mentre ci si accorge degli incisivi perché cadono quelli da latte, di solito non ci si accorge dei molari, perché spuntano senza che cada nessun dente deciduo corrispondente: erompono subito dietro agli ultimi molari da latte sia nella mandibola che nella mascella.

CON QUALE FREQUENZA BISOGNA FAR CONTROLLARE IL BAMBINO DAL DENTISTA PEDIATRICO ?

Mentre un paziente adulto, predisposto a patologie di denti e gengive, dovrebbe fare il controllo odontoiatrico ogni anno, il piccolo paziente dovrebbe essere visto dal dentista circa ogni 6 mesi o più frequentemente.
Il motivo di queste visite così frequenti è che i bambini hanno maggiore predisposizione alla carie dentale sia per un’alimentazione più ricca di carboidrati, sia per una minore manualità ad effettuare una buona igiene orale e soprattutto perché un bambino è in continua evoluzione dal punto di vista ortodontico e posturale.

COS’E’ LA POSTURA?

Possiamo definirla molto semplicemente come la nostra capacità di mantener l‘equilibrio al massimo del comfort e con il minore dispendio energetico, interagendo con l’ambiente che ci circonda.
E’ un sistema molto complesso formato dal sistema nervoso, il computer centrale, a cui arrivano tutte le informazioni da altri organi come l’occhio,l’ orecchio ,il piede, la pelle, i muscoli e articolazioni e soprattutto la bocca.

L’organizzazione posturale origina dal cranio ed inizia già nell’utero materno. È la crescita cranio-facciale che determina la posizione della testa nello spazio: e dalla testa partono tutti i messaggi per una corretta postura. Quindi l’ occlusione dei denti la respirazione, la deglutizione, la masticazione hanno una importanza fondamentale per l’equilibrio posturale.

ODONTOIATRIA E DISABILITA’ COME COMPORTARSI?

La grande attenzione rivolta ai piccoli mi consente spesso in collaborazione con l’anestesista, di operare anche con i pazienti con gravi problemi comportamentali e di salute .

Sarà mio impegno, dopo la prima visita, suggerire la frequenza ottimale dei controlli e le misure più opportune per una corretta prevenzione sia delle patologia cariosa che della postura..

Le avventure di Dentino