Otturazioni

Etharums ser quidem rerum facilis dolores nemis omnis fugats vitaes nemo minima rerums unsers sadips amets.

Slide background

Non trascurare una carie

..spesso basta una sola seduta

Conservativa: Otturazioni

Le otturazioni si rendono necessario quando la carie erode parte della superficie del dente. La carie è provocata dai batteri presenti all’interno del cavo orale, i quali rilasciano sostanze acide che vanno a disgregare lo smalto del del dente.

Per capire se ci sono delle carie sui denti è fondamentale fare delle radiografie endorali che ci mostrano chiaramente in quale zona bisogna intervenire.
Una volta tolta la carie, sulla superficie del dente rimane una cavità, la quale deve essere riempita e rimodellata secondo la forma originale del dente.

Questa procedura viene eseguita con i materiali compositi. I compositi sono resine fotopolimerizzabili, le quali una volta modellate, induriscono con un particolare tipo di luce in modo da ottenere un elevata resistenza alla masticazione ed un’estetica il più naturale possibile.

Un esempio di carie e relativo trattamento

Vediamo che cosa è di preciso una carie

La carie è una patologia dei denti causata dalla degenerazione dei tessuti duri del dente come smalto e dentina. La responsabile principale della carie è la placca batterica, una patina costituita da saliva, batteri e residui di cibo, che abbonda nei punti in cui lo spazzolino fatica ad arrivare e risulta correlata alle abitudini alimentari del paziente(dieta ricca di saccarosio).

La barriera dello smalto viene corrosa dall’acido prodotto dai batteri della placca e si forma una cavità caratterizzata da una macchia scura, appunto la carie. All’inizio non si avverte dolore, ma se la lesione cariosa si avvicina alla polpa del dente in cui sono presenti le terminazioni nervose, aumenta la sensibilità al caldo e al freddo e il fastidio si acuisce. I più colpiti dalla carie sono i molari,seguiti dai premolari: infatti la loro superficie irregolare favorisce l’annidarsi del cibo.Le superfici masticatorie dei molari hanno profondi solchi al cui interno la placca batterica può infiltrarsi e rimanere intrappolata, nonostante una corretta igiene orale: infatti i molari fanno la loro comparsa ad un’età in cui è massimo il consumo di zuccheri e spesso insufficienti le manovre d’igiene orale.

Un’evenienza molto frequente, la cui prevenzione richiede l’uso di sigillanti dentali.Oggi si parla sempre più spesso di restauro dentale per porre l’accento sul fattore estetico oltre che su quello medico: infatti i moderni materiali compositi simulano il colore, la luminosità, la forma e la consistenza del dente naturale. Fondamentale per la prevenzione sono una corretta igiene orale e l’utilizzo del filo interdentale, che elimina residui non raggiungibili con lo spazzolino: si inserisce tra due denti fino a toccare la gengiva, si tira verso l’esterno facendolo aderire bene alla parete di uno dei denti staccando la placca batterica dal dente, che sarà successivamente eliminata dalla bocca con un risciacquo.